mercoledì 27 agosto 2014

Human rights for the Eritrean people: Italian role and responsibilities

Francesco Martone, head, international department, Sinistra Ecologia Libertà 

Speech for the Bologna Summit 2014: "Eritrean solutions for Eritrean problems"

30 August 2014

Dear all

let me first of all thank you for the invitation to attend the second edition of the Bologna meeting. It is a great honor and pleasure for me to be here both on a personal basis and as a representative of the Left, Ecology and Freedom Party.

This is a further step towards a stricter exchange and collaboration between my party and you all, in the common quest for democracy and respect of human rights and justice in Eritrea.

I have been engaged on Eritrea since the time when I was a senator in Italy. I was a member of the human rights committee of the Senate then and very much engaged in migrant rights' issues, especially as regards detention camps and the Mediterranean. It was then that I got to meet with Don Mussie Zerai and other Eritrean youth and activists that told me about the root causes of migration and the exodus towards Europe.

Since then I was engaged in trying to highlight the co-responsibilities of Italian companies and political circles in backing up the Afeworki regime, and to try and contribute to develop a truly post-colonial approach to Italian policies towards its former colonies and Africa.

I learned about the hardship of those that struggled to create networks for democracy abroad, the fear and threats they had to resist, the courage that you all have step by step shown in coming out publicly, create linkages, start challenging the Afeworki regime openly. A good friend, daughter of one of your Independence hero, then prosecuted by the regime and left to die in a jail in Asmara, told me when you organized the first demonstration in front of the Eritrean embassy in Rome: “here we go, here they are now. This is a great step”. To me that used to take for granted that people could gather and take to the streets in my country that was somehow a novelty. But then I quickly realized how crucial that moment was for you all.

Since then my party started to actively engage on Eritrea, we invited a representative of the Eritrean Youth Solidarity for Change (EYSC) at our National Congress this year and have been mobilizing our Members of Parliament on various occasions.

I wanted to start with a personal note to try and highlight the three elements that seem to be key to me to define what would be the responsibility and role of Italy in supporting democratic change and justice in Eritrea. When we think about the various levels of action, these can be divided in three, and all three are strictly intertwined.

The first one is here, in Italy, and is related to the obligation of the Italian government to ensure that Eritreans that make it to the Italian shores are given access to the right to seek asylum or refugee status, as well as for those that live here ,the right to be free from fear, to freely exert your citizen's right to freedom of expression, association, political action. It seems to me that there is a sort of tendency to “normalize” the official narrative around Eritrea. I was quite concerned in reading a recent report by the International Crisis group titled: “ Ending the exodus” that among other things almost gave the impression that many Eritreans leave the county just because they want to avoid the draft and then to send remittances back home. This assumption - if gone unchallenged - would in fact help assimilate Eritrean migrants to economic migrants and “depoliticize” the root causes of migration. Under this assumption Eritreans would hardly be eligible for asylum or refugee status.

Furthermore, the Italian government should make a clear effort to ensure that there is no undue interference of the Eritrean government into what Eritrean citizens do and say in my country. I do not want to go too much into the details here but I am sure all you you fully understand what I mean.

Then we have the second level, the in-between. The tragic route between Eritrea and Italy. The detention in camps in Libya, the inhumane treatment of migrants, fell prey of human traffickers, and then risking their very survival sailing through the Mediterranean. When I think of how to try and ensure justice and dignity to the Eritrean people I cannot avoid thinking of those that lost their lives, and their families, those that stay in Eritrea, and that are caught between grief, pain and fear. And those that were waiting for their relatives to join them in Europe. Many of these people have no name, they are “disappared” . Hence dignity in this case can be partly ensured by giving them a name, giving their families the right to mourn them.

Justice here is not a theoretical matter. It has to do with the root causes of migration and with the denial of the people's human right to mobility. Justice can be made when securitarian policies that criminalize migrants and refugees are canceled and substituted with programmes that protect people's lives, accompany them into a right to safe passage, and then access to procedures to seek refugee and asylum status are ensured.

In a word, the Italian government in its current role as chair of the European Council of Ministers should seek to fundamentally change the assumptions behind Frontex and Mare Nostrum . It must ensure that while these are deeply retrofitted to be anchored on a human-rights based approach and not on to securitarian paranoia or the priority to secure borders, the same are linked to a new asylum and migration policy incountry. It would be tragic that while saving a life on the sea, that same life then would be at risk if the person is forcibly returned to his country of origin.

Third, but not least, the very reason for so many people to escape from Eritrea, a brutal regime that leaves no other choice. A regime that is now shaken and on the verge of crumbling down. Eritrea has always been seen as a country in eternal transition, maybe in the hope that the events would lead to the end of Afeworki's rule, be it the long wave of Arab spring, some geopolitical turmoils, the turbulent scenario in the Horn of Africa. Or is health conditions. A transition to nowhere, unless the international community takes a courageous stance and finally decides to deal with the regime and the overall region ina comprehensive and coherent approach. My party believes that the Italian government in its presidency should call for a regional conference on the Horn of Africa, whereas Europe can play a key convening role, to address all the outstanding crises that somehow prop up the Afeworki regime. First and foremost, the solution to the long standing conflict between Eritrea and Ethiopia, the “Badme question”, that require a strong initiative by the UN to achieve a final settlement. 

Like in a domino game, once a piece falls the rest of the pieces might fall. But such a domino effect needs to be governed, accompanied by giving you, your movements, your platforms a proper role and recognition. As the title of this conference rightfully states: " Eritrean solutions to Eritrean problems". 

You are the basis for the future of Eritrea. Experience shows that after the fall of a long standing regime, the risks of civil strife are real in the lack of “intermediate” bodies, and political actors that would “govern” the transition. Now for contingent reasons, this will be your task. In spite of this, and of the fact that this might be the crucial moment to head for change in Eritrea, the Italian government seems to be heading towards a different direction, A recent visit in Eritrea by the viceminister of Foreign Affairs, has given the impression that this government is more interested in propping up the Afeworki regime – an old trick that of preserving the status quo in the fear that a change might unleash unexpected consequences that might not fall into the national interests.

This is “realpolitik” playing, not “smart” politics. Smart politics would look into ways to empower the future actors of a new Eritrea, recognize their role in future state building, while at the same time ensuring that the current regime is put at a corner and forced to negotiate. How? By severing the channels that support the regime, be them investments or economic and trade relations. Stopping smuggling weapons, and support a concerted effort to punish government-backed human traffickers to begin with. And then actively work for an international conference, to develop a road-map to democratic transition, that might also include representatives of the current regime, but not Afeworki or its cronies. Not the kind of message that came from the first visit of an Italian government high ranking official after many years. 

Breaking the isolation is not the best way to contribute to democratic change in this case. Constructive engagement requires a clear strategy. The strategy here, seems more to be that of stemming the flow of migrants to secure the Mediterranean borders rather than securing a path towards freedom ad democracy for you all. Point is that by doing so the Italian government is asking an arsonist to extinguish the fire he has put up.

venerdì 22 agosto 2014

Guerre vere e guerre di parole

Quando rifletto sulla guerra ci sono alcuni testi di riferimento che riaffiorano nella mente. Tra questi due sono imprescindibili, quello di Susan Sontag sul dolore degli altri e quello di Chris Hedges, reporter di guerra, dal titolo “La guerra è una forza che dà significato” “War is a force that gives us meaning”. Da anni ormai, per impegno politico, da nonviolento e pacifista, mi trovo a fare i conti con la guerra, in tutte le sue declinazioni. Umanitaria, asimmetrica, dichiarata o meno, per procura.
E per anni ho assistito a quel mix di propaganda, costruzione del caso, uso strumentale delle vittime, approssimazione o micidiale cinismo che accompagna e precede ogni volta una scelta per l'uso diretto o indiretto delle armi. E' come se saltassero le categorie analitiche. Il ricorso a termini che innescano una reazione quasi pavloviana nel lettore e fruitore per determinarne il posizionamento. Salta la capacità critica di questionare e invocare sempre ed in ogni modo il principio di precauzione. Così se si parla di genocidio, automaticamente si dice che il nemico da combattere è un nazista, e automaticamente si assimila chi lo combatte ai partigiani del “nuovo millennio”. Se si parla di “sterminio di cristiani” si evocano persecuzioni alle quali si deve immediatamente ricorrere con l'uso della spada. Non mi si fraintenda, io credo che oggi ISIS rappresenti qualcosa che deve essere affrontato con determinazione, è una minaccia che va ben oltre l'aspetto religioso, Una minaccia che deve essere neutralizzata. Come. Non certo continuando a discutere in circolo. Si vabbé erano stati armati dagli americani, beh si e allora, c'è sempre di mezzo il petrolio. No però perché i kurdi non hanno l'indipendenza? E torniamo sempre al punto di partenza. Il primo punto che secondo me imprescindibile per affrontare “politicamente” la vicenda è quello di sforzarsi di uscire dalle vecchie categorie di analisi nella consapevolezza che questo fenomeno non rientra in quelle categorie. Secondo, invocare sempre e comunque il principio di precauzione sull'uso della forza, ma non escluderlo a priori. Si vabbé , belle parole mentre la gente viene massacrata. Si vabbé ma quanti poi sono massacrati? E perchè i governi non si indignano per le migliaia di morti a Gaza? Diciamocela tutta: la situazione che si è venuta delineando in Medio Oriente è talmente complessa, intricata, di conflittualità policentrica, che se cerchi di risolvere uno dei conflitti si riaccende l'altro. Per questo c'è bisogno di un lavoro di prospettiva politica, e di elaborazione di una soluzione politica. Si vabbé parli facile, tu, quelli vengono massacrati e c'è bisogno di fare presto. Si però da quando si è iniziato a parlare di mandare armi a quando le armi italiane arriveranno, sono passate almeno due-tre settimane. Lo stesso tempo operativo necessario per proporre - visto che l'Italia sarebbe presidente di turno della UE e ambisce al posto di Alto Commissario - Mr o Mrs PESC a seconda del caso - di far approvare dal Consiglio dei Ministri Europei una proposta di convocazione d'urgenza del Consiglio di Sicurezza per autorizzare e spostare sotto ombrello ONU alcuni “battle group” europei da schierare a difesa dei civili inermi catturati tra due fuochi. Giorno più giorno meno. Quel che manca nella “soluzione” prospettata dal governo italiano è proprio la politica. Senza la quale non sarà possibile alcuna soluzione effettiva alla questione. Mi sarei aspettato una discussione prima del dibattito parlamentare che potesse prospettare vari scenari ed ipotesi, sulle quali discutere, non un “coniglio uscito dal cilindro” che sembra più informato da criteri di propaganda che altro. E che fa leva sulla nostra giusta indignazione ed orrore per l'operato di ISIS. Fatto sta che si assiste di nuovo ad una discussione virtale o meno tra “interventisti o non interventisti”, gente di sinistra che pensa di rispolverare categorie dell'imperialismo o antiìimperialismo, chi ti accusa di legittimare ISIS se cerchi di comprendere le cause della sua avanzata o chi ti dice che sei imbelle se provi a mettere nella discussione proposte alternative, che non precludono – sia chiaro – l'uso della forza. Ecco vedi allora vuoi la guerra. Ed hai voglia a spiegare che l'uso della forza in determinate condizioni e secondo determinati criteri è l'unica maniera per difendere gente inerme. Si ma che interposizione, per l'interposizione ci vuole il consenso di ambedue le parti in conflitto. Altra confusione, non si parla di interposizione ma di polizia internazionale altra cosa. E così via: io sono per l'indipendenza dei kurdi, quindi si diano le armi ai peshmerga. E si scorda che ormai il tema dell'indipendenza magari è solo nella testa di Barzani e dei suoi che gli altri kurdi parlano di “autonomia” democratica. No così giusto per dire. Quel che davvero mi preoccupa oggi non è solo il modo con il quale – in maniera assai sbrigativa e “arimediata” questo governo sta liquidando la questione contingente. É che la maniera con la quale è stata trattata ed “impacchettata”, accede delle spie di allarme alle quali credo sia necessario prestare attenzione. Che non è mica detto che la prossima mossa non sarà quella di proporre un'intervento internazionale in Libia. Quella Libia insanguinata da milizie che si fanno la guerra tra di loro, magari con armi che anche l'Italia “illo tempore” ha provveduto a fornire sottobanco.

domenica 17 agosto 2014

Armare i kurdi o non armare i kurdi? Questo il dilemma

Armare i kurdi o non armare i kurdi? La prossima settimana le Commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato verranno convocate per discutere la proposta già avallata dal Consiglio Europei dei Ministri degli Esteri in un summit convocato d'urgenza a Ferragosto.
Armare i pershmerga come linea di difesa contro l'avanzata delle forze di IS, e lasciare loro il compito di fare ciò che dovrebbe essere compito di una forza di polizia internazionale sotto l'egida delle Nazioni Unite. Insomma, allontanare ancora una volta, come se la tragedia di Gaza fosse ormai relegata alla storia, l'urgenza di mettere mano ad una profonda riforma del sistema delle Nazioni Unite, per dotare l'ONU di una capacità di intervento anche armato se necessario volto a difendere civili inermi, o operare come forza di interposizione tra parti in conflitto
Questo mi pare essere il primo punto da considerare come contesto nel quale questa discussione si sta sviluppando. Il secondo punto riguarda l'applicazione del principio di precauzione. Ossia, prima di procedere con questa strategia, il governo italiano dovrà dimostrare che non sussistano rischi ulteriori rispetto alla possibilità che armare i peshmerga non porti ad una dissoluzione dell'Iraq. Nulla in contrario al riconoscere ai kurdi il diritto alla propria patria, lingua, religione, ormai l'idea di uno stato kurdo unico tra turchia, Iraq e Siria è superata dal progetto di un'entità kurda transnazionale, tipo federazione che non metterebbe in discusione in confini nazionali dei tre stati. Siamo sicuri che fornire di armamenti i peshmerga non equivalga invece a rafforzare il progetto di un Kurdistan unico ed indipendente, alimentato in gran parte dalle risorse petrolifere? I ministri di Esteri e Difesa, ci spieghino quale sia la strategia regionale (che tenga in considerazione cioè anche Arabia Saudita, Iran, Siria e Turchia) , e se ciò non sia in contraddizione con l'intenzione di sostenere un governo unitario a Baghdad, post Maliki e come si intende prosciugare il brodo di coltura nel quale oggi cresce il fondamentalismo armato di IS. Si badi bene, un fondamentalismo che è radicato anche nel persisente senso di frustrazione e abbandono nel quale hanno vissuto e vivono le popolazioni sunnite. IS non è solo una formazione armata, in molte aree rappresenta l'ordine, lo stato, dove fino a ieri lo stato non c'era o era una minaccia costante per le popolazioni sunnite. Quindi qual'è la politica dietro questa scelta? L'ennesima scorciatoia che prelude ad un male peggiore di quel che si pretende di curare? Ed allora, perché non cercare di contribuire in altra maniera? Perché l'Italia non può – piuttosto che porsi come capofila tra i paesi che hanno spinto per l'invio di armi ai “guerrieri” peshmerga – decidere di fare la propria parte in altra maniera? Quale valore aggiunto possono portare le armi italiane se non quello di alimentare ulteriormente la produzione di armi da parte di un'industria sempre florida? Con il rischio che tali armi possano poi cadere in mano dell'IS o di altre formazioni paramilitari locali? Perché invece non immaginare altre modalità di sostegno non armato per i civili e per la costruzione di corridoi umanitari per la loro protezione, ed il supporto logistico, di intelligence, o come si suol dire “non-letale” per chi oggi, peshmerga o esercito regolare irakeno, contrasta l'avanzata di IS?

sabato 16 agosto 2014

Il regalino di Angelino

Alfano a Ferragosto ci dà la buona novella. Ecco una delle priorità della presidenza italiana della UE, rilanciare Frontex al posto di Mare Nostrum. Vero è che la questione dei flussi migratori nel Mediteraneo è cosa che va affrontata a livello comunitario. Ma Il signor ministro però non ci spiega a quanti di coloro che sono stati salvati da Mare Nostrum è stato poi riconosciuto lo status di rifugiato o richiedente asilo, visto che la maggior parte provengono da paesi i cui regimi mettono a rischio la loro stessa sopravvivenza. Quanti vengono poi rimandati ai paesi di origine? Eppoi mr ministro si dovrà fare in modo che Frontex venga radicalmente rivista, per diventare non una barriera "paramilitare" ma un'operazione di accompagnamento sicuro e un corridoio umanitario che permetta agli esseri umani di attraversare in sicurezza il Mediterraneo. E di esercitare il proprio diritto alla mobilità. E che oltre alla chiusura dei CIE, si metta mano alla Bossi-Fini una volta per tutte abolendola, in favore di un'approccio che metta al centro la dignità ed i diritti delle persone e non la paranoia securitaria. E si riconosca il diritto alla giustizia per le familiari delle migliaia di "desaparecidos" in mare, molti dei quali sono ancora senza nome. Il resto sono chiacchiere, o peggio ancora una cortina dietro la quale nascondere la verità, fatta di più respingimenti.

mercoledì 13 agosto 2014

quelli come noi che costruiscono la pace

Quelli che le due volontarie rapite in Siria chissa' che cosa stavano a fare che e´meglio che se ne fossero state a casa invece di andare a cercare grane. Quelli che per loro andare in zona di guerra non e´una passeggiata ed anche chi e´"armato" delle migliori intenzioni e´bene che abbia strumenti e capacita´ per prevenire guai e comprendere come meglio aiutare chi soffre

Quelli che mo´ Obama bombarda l'Iraq e non quelle orde scatenate di IS che prima invece dice che Washington o la CIA avessero sostenuto, mentre il fido Al-Maliki che ora non vuole mollare l'osso gettava benzina sul fuoco vessando i sunniti e creando le premesse per un'avanzata dell'orda. Quelli che ora vedono immagini tragiche di migliaia di bambini e donne lasciate a se´stessi in cima ad una montagna e che non possono non interrogarsi se a fronte di una nuova possibile Srebrenica non sia comprensibile l'uso della forza per fermare l'orrore, ma coltivano il beneficio del dubbio che sotto sotto....

Quelli che Putin e´ ormai l'ultimo baluardo contro il nuovo nazismo, che il gigante eurasiatico deve contrapporsi all'imperialismo a stelle e strisce e che chiudono tutté due gli occhi sulle politiche liberticide, omofobiche e nazionaliste di Mosca, che i diritti civili sono roba da mammolette, un lusso borghese.

Quelli che a Gaza si sta compiendo un olocausto, presi dalla corsa a chi usa il termine o le immagini piu´ tragiche pensando di sconfiggere le politiche suicide di Tel Aviv con un clic di mouse o attraverso immagini di corpi smembrati dalle bombe di "precisione". Quelli che i tunnel servono a diffondere il terrore integralista di Hamas scordando che oltre un milione di esseri umani vivono da tempo in una gabbia, sotto blocco ed embargo senza accesso a beni e prodotti di prima necessita´ ma anche se fosse senza diritto ad una vita degna, Quelli che in nome della purezza cristiana, o della nazione rispolverano simboli ed immagini immonde, e che mai in un negozio di ebrei, che infatti lo sanno tutti che la carne kosher o i blue jeans vengono dalle colonie illegali

Quelli che la Libia prima bombardata dalla NATO con il pretesto della protezione dei civili e poi lasciata in mano a milizie armate che il governo imposto dall'esterno nulla aveva a che fare con la realta´del paese, proprio guarda caso come in Afghanistan ed Iraq e che non si interrogano sul fallimento delle teorie e pratiche dell'ingerenza umanitaria. Quelli che la Libia e´un paese chiave per il petrolio, per frenare l'avanzata dell'integralismo islamico, e dei migranti che e´meglio tenerli nei campi li' che non si facciano vedere a casa nostra. Quelli che meglio parlare con Isaias Afeworki quello che tiene in pugno un intero paese tanto le migliaia e migliaia di eritrei mica scappano, ma emigrano per cercare lavoro. Quelli che Berlusconi prima accoglie Gheddafi a Roma e poi lo accoltella alle spalle, quelli che dobbiamo fare i conti con il passato coloniale, quelli che non sanno che pesci pigliare.

Quelli che perché´non ci scandalizziamo per le migliaia di morti in Siria mentre ci attiviamo solo per la Palestina, quelli che Assad e' un baluardo contro l'imperialismo USA e sionista e quelli che i ribelli sono tutti terroristi islamici o prezzolati dalla CIA. Quelli che pensano che in Siria si stia compiendo una tragedia immane e che si trovano costretti ad ammettere di poter fare poco ma almeno dare voce a chi non ce l'ha

Quelli che pensano di avere le chiavi per comprendere il mondo ed invece finiscono per mettergli le braghe.

Quelli che vogliono costruire la pace e sanno che e' maeldettamente difficile, complicato, mica come spingere un bottone ed incenerire con un missile una famiglia che festeggia un matrimonio a migliaia di kilometri di distanza

Quelli che non si rassegnano ad accettare che la guerra e le sue declinazioni sia l'elemento ordinatore del mondo ne´che fornisca l'occasione per dare un senso alle proprie teorie o ideologie

Quelli che ancora credono nella nonviolenza, nella soluzione diplomatica e politica dei conflitti,nel disarmo, nell'abolizione delle armi nucleari , la costruzione di relazioni pacifiche tra i popoli, Quelli come me e tanti altri.

(ps. dimenticavo, quelli che il Mali e la Repubblica Centroafricana dove li mettiamo che siamo ai prodromi della terza guerra mondiale, guarda infatti all'Azerbaijian che sta ai ferri corti con l'Armenia)