sabato 26 dicembre 2015

On the other side of the sky

It would be extremely helpful and absolutely necessary to try and read the outcome of the UN Conference on Climate Change that took place in Paris, using a pair of bifocal lenses, to allow us not to stop to a more superficial  look, to the outer peel of a negotiating process that went on and on for years, mushrooming into other threads and processes. A pair of bifocals would help us de-codify what happened in Paris and what future will offer us. These lenses are made of other materials, you will never find them in scientific essays, studies of climatology, in the myriad of elaborations on the Earth or intact forests' carbon storage capacity, you will not find them in the drawers of government leaders, or businesspeople, entrepreneurial or non-governmental experts. These lenses are makeshift, bound together by duct tape and a rubber band, and allow us to see things under a completely different perspective. The time has come now to make an effort and put ourselves on the other side, on the side of air and sky. On the side of the Earth and its inhabitants, not necessarily as an impulse driven by mysticism or ecocentrism. Indeed such shift is partly justified by the urgency of admitting that we humans, as small as we are, generate dramatic upheavals, and are such a small thing when compared to the complexity of ecological balances and life, and that therefore it would be a good thing for us to lower our ecological footprint and carry a lighter rucksack. Putting ourselves on the side of the sky, on the other side of that sky nowadays darkened by a thick suffocating cloud of smog, upset by anomalous events, heavy rainfall, heat and cold, altered migratory cycles, clouds that indigenous knowledge cannot read anymore, means assuming another perspective, a decolonized and feminine one, of a Mother that is rapidly being depleted by productivist fury and growth obsession. 

A very thoughtful and challenging study comes to mind to that regard, titled “Antarctica as a cultural critique: the gendered politics of scientific exploration and climate change” by CUNY professor Elena Glasberg. Glasberg studied the “official” history of the conquest of Antarctica, written and made mostly by males, men driven by the desire to conquer even that last segment of unknown land, and proposed another viewpoint, based on post-colonial and queer thought, notably putting ourselves on the side of ice, and re-read that myth under a gender lens. Maybe it is not casual that the Earth is Mother, and as a Mother she is inextricably bound to our existence to each of our primeval cells. Paris was a much awaited event, a point of arrival full of expectations and realistic disillusionment. Maybe as never before has the French capital become stage of an evident chasm between the “mainstream” narrative of climate change and that which took shape outside, in the streets, in marginal neighborhoods, in the participation of people from all walks of life, and from everywhere, that not only took to the streets to defy a ban, but contributed to build another perspective of ecological and social justice. The papers adopted in Paris have to be studied carefully. They tell us that in fact governments of all parts of the world believe that climate change is not a matter of human rights, that thousands of people, women and men whose very survival is at stake should not be considered as right-holders. These people live in lands that always inspired our dreams of untouched paradise, painted by Paul Gauguin or portrayed in glossy brochures of all-inclusive travel agencies, be them the Maldives, or a myriad of other islands, splinters of rock, sand, coral and land in the Pacific Ocean. Thousands of people that are forced to migrate, without water, land, food , shelter are considered only as items of accounting for private charity or development and humanitarian aid agencies. Those papers testify the sovereign interest of nations in securing a blanc check and inventing new tricks to continue to postpone their doomsday date, when they will have to stop pumping oil and gas from the Earth.

At the negotiating table, this game was played on a computer keyboard, cutting and pasting words, adding or removing brackets. Outside of this editing feat, reality is made of suffering and pain and nothing new or unexpected came out in Paris. A “self fulfilling prophecy”, one could say. As a matter of fact, the absolute majority of countries had already tossed their chips on the table, written in black and white whatever they intended to do to contribute to limit temperature increase.
2 degrees, 1.5 degrees, 3 degrees. These figures make the difference in a gambling game that skilled negotiators have sorted out with language that holds almost everything together, an “aspirational” goal (we will have to get used to new lingo here, between “aspirational” and “transformational”, rather than binding a clear targets) towards the containment of temperature increase of 1.5 C as to preindustrial levels. No strings attached, no commitments. Again, it will be up to the invisible hand of market and its thaumaturgical capacity to provide a solution. An invisible hand that becomes pretty damn visible when it sticks new prospecting and drilling derricks in the ice, in the seas, in forests, or when it fells these to plant agrofuels, or evicts communities whose only crime is that of managing ecosystems from time immemorial, under the pretext of keeping them intact, and ensuring that they can absorb those toxic gases - even pumping them underground - that the new and old “Norths” of the world will continue to produce. This is what “net negative emissions” are all about, another trick to show that – apart from minor corrections – the route remans the same, and is chartered by the ideology of extractive capitalism. 

Putting ourselves on the side of the sky today means taking a stance and the decision to unveil the trick, overcoming old rhetorics of a geographical North that exploits a colonized South. That North and that South do not exist anywhere but in handbooks of geopolitics of political correctness or opportunism. What we have today are communities in the North and in the South that suffer climate change, that are violated in the quest for new fuel, that resist and practice alternatives. It is not surprising that Parties in Paris did not agree to acknowledge that the only possible way out is that of inducing an oil shock, not a traditional shock of oil markets, but a shock therapy – to paraphrase Naomi Klein – that would envisage the end of fossil fuel prospecting and a progressive but rapid reduction of fossil fuel extraction and use. Figures speak for themselves: 800 billion USD are spent every year by fossil fuel companies to look for new gas and oil, as against less than the expected 100 billion allocated every year to support developing countries in their ecological transition. Much of this money is under the form of loans or private funds from companies or financial institutions and will reignite the spiral of debt, a double debt, ecological and financial.

If we put ourselves on the side of the sky, if we want to stop being relentlessly smothered, we will have to keep 80% of the gas and oil underground. This is what science tells us, but politics makes a selective use of science, so no decision has been taken on the matter in Paris, Nor was anything agreed on the moral obligation to compensate those that have suffered loss and damage caused by climate change.

Nevertheless, the official “narrative”, that of the United Nations, of governments, and some big NGO (possibly affected by some sort of Stockholm syndrome) tells us that Paris represent an initial success. It invites us to look at the glass “half-full” when the glass is now full of cracks, and does not seem to be willing to wear new glasses. Hence, our bifocals help us to de-codify and unveil, and at the same time focus on the other side of the sky. And this is where a work in progress comes into form, women, peasants, workers, citizens, activists, pacifists, ecologists, communists and post-communists, indigenous peoples, small entrepreneurs that practice another economy, philosophers and artists, human chains and red lines. This “commune” has a powerful toolbox at hand, made of reclaiming ecological debt and struggling for climate justice, stopping CO2lonialism, recognition of the rights of nature and communities, ecocide, nonviolent resistance. 

 This other side of the sky has declared a state of climate emergency in Paris, and built its agenda, the agenda of peoples and of the Earth, by intertwining the critique to te development model to that of the current phase of extractive capitalism, to patriarchal power structures, where often “human” is synonymous of “man”, to the construction of authentically decolonized language and practices. So, our bifocals help us in looking beyond. And the beyond is made of us reclaiming our future, from bottom up, continuing to weave networks and relations, exchanging knowledge and practices, spinning a texture of resistance, and not only limiting ourselves to resilience, putting our minds and bodies between the sky and the Earth, between bulldozers and oil drilling machines.  

for an edited version published on The Other News:

venerdì 25 dicembre 2015

Dalla parte del cielo

Provare a leggere i risultati della COP21 di Parigi inforcando un paio di lenti bifocali potrebbe essere esercizio utile e necessario, piuttosto che fermarsi al contingente, alla buccia esterna di un processo negoziale che si trascina da anni, e che è andato via via aggregando altri processi, ed altre iniziative. Un paio di lenti bifocali che permettano di decodificare quello che è successo a Parigi, e quel che ci aspetta nel futuro. Queste lenti però sono fatte di altro materiale, non sono quelle che trovi nei libri di scienza, di climatologia, nelle migliaia di elaborazioni sulla capacità di assorbimento della Terra o delle foreste incontaminate, non sono quelle riposte nei cassetti di governanti, o uomini d'affari, o condivise con solerti esperti, professionisti d'impresa o del mondo non-governativo. Sono lenti costruite alla buona, che si tengono con un pezzo di scotch e l'elastico, e che permettono di vedere tutto da un'altra prospettiva. 

E' giunto quindi il momento di sforzarsi di mettersi dall'altra parte. Dalla parte dell'aria e del cielo. Dalla parte della Terra e di chi la abita, non per una sorta di slancio mistico o ecocentrico. Forse in parte c'entra l'urgenza di ammettere che noi umani siamo ben poco rispetto agli enormi stravolgimenti che provochiamo, rispetto alla complessità e delicatezza degli equilibri del vivente e che quindi sarebbe buona cosa alleggerire il nostro zaino e la nostra impronta ecologica. 

Mettersi dalla parte dell'aria e del cielo, oggi offuscati da una densa nube di smog, soffocante, attraversati da perturbazioni anomale, ondate di pioggia e calore e freddo, cicli migratori impazziti, nuvole che non si lasciano più leggere da saperi ancestrali, significa provare ad assumere una prospettiva altra, decolonizzata, femminile, di una Madre che la furia produttivista e l'ossessione della crescita stanno rapidamente decomponendo. Ricordo uno studio molto bello di una ricercatrice della CUNY di New York sull'Antartide, simbolo plastico del tragico impatto del climate change, Elena Glasberg si chiama. Studiando la storia “ufficiale” della conquista dell'Antartide, scritta e fatta essenzialmente da maschi, da uomini desiderosi di conquistare anche quell'ultimo lembo di terra ignota, la Glasberg proponeva un punto di vista altro, ispirato all'approccio post-coloniale e “queer”, ossia quello di mettersi dalla parte del ghiaccio, e rileggere quel mito della conquista attraverso una lente di genere. Ossia “Antarctica as a cultural critique: the gendered politics od scientific exploration and climate change” . Chissà forse non è un caso che la Terra sia madre, e come una Madre è legata indissolubilmente alla nostra esistenza, ad ogni nostra cellula primordiale. 

Parigi, quindi, un appuntamento atteso, un punto di arrivo importante pieno di aspettative e realistiche disillusioni. Forse mai come nella capitale francese è risultato evidente lo iato tra la narrazione “mainstream” dei cambiamenti climatici e quella che prendeva forma e sostanza all'esterno, tra le strade, nei quartieri marginali, nella partecipazione di persone d'ogni dove, che non solo hanno avuto la briga di sfidare divieti e proibizioni, ma hanno costruito una prospettiva altra di giustizia ecologica e sociale. Le carte approvate a Parigi vanno analizzate e bene. Ci dicono che i governi di ogni parte del mondo non ritengono che i cambiamenti climatici siano una questione che riguarda i diritti umani, non pensano che siano soggetti di diritto quelle migliaia e migliaia di persone, uomini e donne che rischiano la loro stessa sopravvivenza, che abitano terre sempre immaginate come paradisi incontaminati, che siano quelli dipinti da Paul Gauguin o quelli declamati in brochure di agenzie di tour all-inclusive. Quelle Maldive, o quelle migliaia di schegge di terra e roccia, sabbia e corallo del Pacifico. Ci dicono che le migliaia e migliaia di persone che sono costrette a migrare, senza terra ed acqua e senza cibo restano solo nella contabilità della carità privata o delle agenzie di cooperazione e aiuto umanitario. E che l'interesse sovrano dei paesi e delle nazioni sarà quello di poter avere carta bianca nell'escogitare l'ennesimo stratagemma per rinviare a data da definire il momento nel quale si dovrà cessare di pompare petrolio dalle viscere della terra. 

Ai tavoli del negoziato questa partita si giocava su una tastiera di computer, tagliando e cucendo parole, aggiungendo e rimuovendo parentesi. Al di fuori , nella realtà in carne ed ossa, questo giochino di editing significa dolore e sofferenza ed a Parigi già si sapeva come sarebbe andata a finire. Si dice in inglese “self-fulfilling prophecy”. La stragrande maggioranza di paesi avevano fatto le loro offerte sul tavolo, messo la loro posta, scritto nero su bianco quel che avrebbero inteso fare per contribuire al contenimento dell'aumento della temperatura. Cifre che fanno la differenza: 2 gradi o 1,5 oppure 3? Insomma un gioco d'azzardo, che gli abili negoziatori hanno risolto con un testo che mette insieme un pò tutto, una meta o “aspirazione” (abituiamoci fin d'ora a questo nuovo gergo, “aspirational” “transformational”, e non più obiettivi vincolanti o ben definiti) verso il contenimento dell'aumento della temperatura di 1,5 gradi rispetto ai livelli preindustriali. Senza lacci e lacciuoli, senza vincoli, che ancora una volta ci penserà il mercato con la sua capacità taumaturgica. Una mano invisibile che però diventa assai visibile quando conficca nuove torri di prospezione e trivellazione, nei ghiacci, nei mari e nelle foreste, quando abbatte foreste primarie per sostituirle con piantagioni di agrocombustibili, o espelle comunità ree di gestire quegli ecosistemi da millenni, con il pretesto di tenerli integri e assicurare che possano assorbire quei gas tossici che i vecchi e nuovi Nord del mondo continueranno a produrre. O che pompano sottosuolo l'anidride carbonica. Lo chiamano “net negative emissions” in gergo, altro escamotage per far capire che a parte qualche correzione, la rotta è sempre quella, tracciata e segnata dall'ideologia del capitalismo estrattivista. 

Ecco mettersi dalla parte del cielo oggi significa decidere di decodificare e svelare l'inganno, che si insinua in ogni piega. Far saltare vecchie retoriche che vedevano un Nord geograficamente delimitato sfruttare ed abbrutire un Sud colonizzato. Da tempo ormai quel Sud e quel Nord non esistono se non nei manuali di geopolitica o del politicamente corretto. Oggi esistono comunità umane ed ecosistemi che a Nord come a Sud soffrono dei cambiamenti climatici, vengono violati per cercare altro combustibile, comunità che resistono e praticano alternative. Non è un caso che nessuno a Parigi si sia messo d'accordo nel riconoscere che l'unica via possibile è quella di uno shock petrolifero, sia ben chiaro non quello dei mercati, ma una terapia shock che preveda la fine delle attività di prospezione ed esplorazione ed un progressivo ma rapido restringimento del volume di combustibili fossili estratti nel mondo. I numeri parlano chiaro: a fronte di circa 800 miliardi di dollari spesi ogni anno dalle imprese petrolifere per andare a cercare altro petrolio o gas poco più di 100 miliardi vengono stanziati ogni anno per sostenere i paesi in via di sviluppo nella loro transizione ecologica. E di questi la gran parte sono prestiti, o fondi privati di imprese o istituzioni finanziarie che andranno a riaccendere la nefasta spirale del debito, un debito doppio, ecologico e finanziario. Se ci mettessimo dalla parte del cielo, per evitare di continuare ad essere soffocati lentamente ed inesorabilmente, dovremmo decidere di lasciare sottoterra l'80 percento delle riserve conosciute. E' la scienza che lo dice, ma la politica fa un uso selettivo e di comodo della scienza, e così a Parigi nulla fu deciso al riguardo. Né all'obbligo morale di risarcire coloro che hanno sofferto perdite e danni a causa dei cambiamenti climatici. 

Eppure la vulgata ufficiale, quella delle Nazioni Unite, dei governi, delle grandi ONG spesso affette da una sorta di sindrome di Stoccolma, ci dice che Parigi è un iniziale successo. Ci invitano a vedere il bicchiere mezzo pieno, quando il bicchiere ormai è pieno di crepe e slabbrature. E sembrano sordi riguardo l'urgenza appunto di cambiare occhiali. Le nostre lenti bifocali ci aiutano quindi a decodificare e disvelare, ed allo stesso tempo mettere bene a fuoco. E così dall'altra parte del cielo si materializza un cantiere in corso, donne, contadini, lavoratori, cittadini e cittadine, attivisti, pacifisti, ecologisti, comunisti o post-comunisti, leader indigeni, piccoli imprenditori che praticano altraeconomia, filosofi ed artisti, catene umane, e linee rosse. Un cantiere che si avvale di una nutrita cassetta degli attrezzi: concetti quali debito ecologico e giustizia climatica, decarbonizzazione, “keep the oil underground”, stop alla CO2lonizzazione, riconoscimento dei diritti della natura e delle comunità, ecocidio, resistenza nonviolenta. 

Quest'altra metà del cielo a Parigi ha dichiarato uno stato di emergenza climatica e costruito la propria agenda quella dei popoli e della Terra. Lo ha fatto appunto intrecciando la critica al modello di sviluppo alla critica alla fase attuale del capitalismo estrattivista, a strutture di potere patriarcale dove l'umano è sempre solo sinonimo maschile, alla costruzione di linguaggi e pratiche autenticamente “decolonizzate”. La lente bifocale aiuta anche a guardare oltre allora. E l'oltre, la prospettiva, sarà quella di riprendersi in mano il proprio destino, dal basso, continuando a costruire reti e relazioni, scambiando conoscenze e pratiche, tessendo una trama di resistenza piuttosto che accontentarsi della resilienza, e mettendo le nostre menti e i nostri corpi tra il cielo e la terra, trivelle e bulldozer.  

anche su Comune-info:

mercoledì 23 dicembre 2015

I corsi e ricorsi del governo Renzi in Iraq

L'eco mediatica, condita con un pizzico di propaganda,  della recente offensiva delle forze regolari irachene contro il DAESH a Ramadi, culminata con la conquista dell'importante roccaforte irachena del Califfato ha fatto cadere nel dimenticatoio, almeno per ora, l'ennesima boutade del governo Renzi, riguardo quel tormentato paese. Indubbiamente la conquista di Ramadi potrebbe segnare un cambio di passo nella strategia della comunità internazionale contro il DAESH, ma da qua a conclamarne l'imminente sconfitta militare ce ne passa eccome. Semmai il rischio è quello di rialimentare le passioni di coloro che vorrebbero più “scarponi sul terreno”, come si sono affrettate a rilanciare varie testate giornalistiche nostrane, spesso intrise di interventismo bellicista. Nel mentre dietro le quinte continuano a filtrare indiscrezioni riguardo la composizione del contingente di soldati italiani che secondo quanto annunciato dal premier Renzi prima di Natale verrebbero inviati nei prossimi mesi a presidiare la diga di Mosul, altra roccaforte chiave del DAESH. 

Sarà forse l'eccessiva disinvoltura nell'uso dello strumento mediatico, o la fretta di volersi attribuire un qualche ruolo negli scacchieri di crisi e nella lotta contro il DAESH, o l'assenza di una qualsiasi prospettiva strategica, ma ogni volta che nella bocca dei rappresentanti del governo Renzi spunta la parola Iraq dietro c'è sempre qualcosa di confuso, poco chiaro, azzardato. Eppure quella parola, e quel paese, hanno una storia che ne obbligherebbe un uso assai più cauto, una storia che ha aperto il vaso di Pandora del Califfato, ha sconvolto - in pieno delirio di guerra globale permanente e di rifondazione neocon del Grande Medio Oriente - assetti già di per sé fragili. Equilibri ora saltati, e le cui ripercussioni vanno a fondo, in antichi e nuovi conflitti tra sciiti e sunniti, ed al loro stesso interno. L'Iraq è Falluja, l'Irak è Nassirya, e non solo la strage di soldati italiani, ma la battaglia del ponte, dove decine di civili iracheni caddero, è la gestione “italiana” di quel governatorato di Nassirya, zona di grande interesse per l'ENI, è la vicenda tragica di Giuliana Sgrena e Nicola Calipari. 

Insomma un passato che obbliga chi agisce ora nel presente ad usare massima cura e cautela. Invece non è così. L'annuncio dato per via mediatica da parte del premier Renzi della decisione di inviare 450 soldati italiani a difesa dei cantieri di un'impresa italiana che verrebbe incaricata di ristrutturare la diga di Mosul, è azzardato a dire il meno. Anzitutto si fa gioco del ruolo centrale del Parlamento, che in ultima istanza dovrebbe essere l'organo principale di decisione sulle missioni all'estero. Almeno nella forma, giacché nella sostanza sembra prevalere l'opposto. E' sempre quella parola che inizia con la “I” a svelarlo. 

Già, perché la storia inizia un'estate di due anni fa quando le Commissioni Esteri e Difesa vennero convocate di fretta e furia per comunicazioni urgenti riguardo la decisione di inviare armi ai Peshmerga curdi per sostenere la loro guerra contro ISIS. A suo tempo si trattava di residui di stock di armi sequestrate a suo tempo ad un mercante d'armi e stoccate nei sotterranei de la Maddalena. A suo tempo si disse che tale opzione avrebbe creato un grave problema nelle relazioni tra curdi iracheni e governo di Baghdad, messo ancor più benzina sul fuoco di una regione già piena zeppa di armi di ogni origine e foggia. Insomma una miopia strategica dettata dalla fretta più che dalla ragione. Non a caso , proprio mentre le Commissioni parlamentari discutevano, il premier Renzi si affrettava ad andare a Baghdad per ottenere il beneplacito del governo iracheno, sul filo di lana o del rasoio, com'è il suo stile. Le Commissioni poi approvarono le comunicazioni del governo che fanno riferimento a iniziative di ogni tipo volte a sostenere in Irak la guerra al DAESH. 

A quel nucleo iniziale, fatto dell'invio di armi - arrivate comunque mesi dopo e date chissà a chi nel caos delle milizie curde irachene in perenne conflitto tra loro - si aggiunse poi l'invio di Tornado da ricognizione e drone di stanza in Kuwait, e di un centinaio di addestratori italiani di stanza ad Erbil. Un mandato interpretato come un elastico. Di punto in bianco comparvero sulla stampa italiana indiscrezioni secondo le quali l'Italia sarebbe pronta ad armare i Tornado per bombardare DAESH. Indiscrezioni poi smentite a mezza bocca, o riprese in fasi alterne per sfatare il tabù dei bombardamenti. Insomma la cosa poi cadde là, ma a onor del vero va detto che il governo nonostante queste sbavature, anche gravi da punto di vista della forma e della strategia politica, aveva mantenuto una posizione netta contro l'invio di “scarponi sul terreno”, i “boots on the ground”. Ed ecco invece la “sparata” nel salotto di Bruno Vespa. 

L'Italia manderà soldati (saranno a quanto pare bersaglieri con tutto l'apparato di blindati e supporto aereo) per proteggere il persone e le strutture della ditta Trevi che dovrebbe rimettere a dimora la diga di Mosul seriamente danneggiata e che nei fatti potrebbe essere un'arma di distruzione di massa se caduta nuovamente nelle mani di DAESH. La sua distruzione comporterebbe un'ecatombe. E DAESH aveva già usato come arma le acque della diga di Falluja un anno fa. 
Vale la pena di ricordare che a diga di Mosul, o inizialmente chiamata diga Saddam, venne costruita negli anni '80 da Impregilo-Salini e che l'Italia non si fece grandi scrupoli a vendere armi e mine antiuomo all'esercito saddamita a suo tempo. La diga sostenuta da un consorzio italo-tedesco con a capo la società per azioni Hochtier, con capitali sauditi era un simbolo del sostegno all'Irak nella guerra contro l'Iran, e dopo la caduta di Saddam venne già sottoposta senza successo a lavori di consolidamento da parte del genio militare USA per una spesa di circa 30 milioni di dollari. 

Guardando tutta la vicenda in filigrana restano grandi interrogativi. 

Il primo, l'uso di effettivi delle forze armate a difesa di operazioni o interessi di imprese private, come se il caso dei marò contrattati in virtù di un convegno tra forze armate e società di armatori, per difesa contro attacchi di pirati, non avesse già posto un punto di dubbio su tale commistione.

Inoltre, all'indomani dell'annuncio del Premier emerse che il governo iracheno non ne sarebbe stato informato in anticipo, e che comunque parlamentari di alto rango, quali il presidente della Commissione difesa del Parlamento iracheno , o il Ministro dele risorse idriche, e lo stesso Moqtada Al Sadr, si sarebbero espressi duramente contro l'invio di soldati italiani a Mosul, uno dei focolai più sanguinosi della guerra al DAESH. Quasi contemporaneamente alle parole di Renzi partiva nella regione di Mosul una grande offensiva del DAESH alla quale si è risposto con bombardamenti da parte dell'aviazione USA, con l'ennesima sequela di “vittime collaterali” nella già martoriata Falluja. Lo scenario nel quale interverrebbero le nostre truppe, presumibilmente a maggio del prossimo anno, è in continuo movimento, con sviluppi imprevedibili, come dimostra la battaglia per la riconquista di Ramadi, iniziata proprio nei giorni dell'annuncio di Renzi.  E poco conta che le presunte regole d'ingaggio per il contingente italiano non contemplerebbero l'uso “offensivo” della forza: nella guerra guerreggiata ed asimmetrica queste distinzioni saltano. 

A ciò si aggiunge il continuo uso disinvolto di un presunto mandato parlamentare, che risale appunto alla riunione delle commissioni di quella torrida estate, al quale si applicano come una cipolla a strati, nuovi ruoli, impegni ed attribuzioni. “Mission creep” in gergo. Quel contingente verrebbe agganciato alla missione “Prima Parthica” quella degli addestratori ad Erbil, Già il nome è tutto un programma, “Prima Parthica” era una legione romana composta da soldati siriani basata nel II secolo a Sinjar, in prossimità di una area yazida. 

Se ciò non bastasse, va ricordato che la ditta Trevi non si è ancora aggiudicata l'appalto, questione licenziata dalla ministra della difesa con un semplice “si va bene ma è l'unica ditta in gara”, appunto, di che gara stiamo parlando?  E che alla levata di scudi di Baghdad è seguito più recentemente l'appello dei peshmerga curdi, che invece di soldati italiani chiedono ancora più armi per difendere la diga di Mosul situata a pochi chilometri dal fronte. Delle due l'una, allora a che è servito addestrarli dopo aver mandato loro armi suo tempo, eppoi non è che forse ci si sta cacciando dentro un conflitto interno tra curdi iracheni (in quella regione la situazione certo non è calma, vista la forte opposizione al governo centrale di Barzani) e tra loro e Baghdad, e così facendo rendendo ancor più arduo il compito della ricostruzione di un assetto statuale del paese? 

Forse questi punti li ha ben chiari chi ci rappresenta a Baghdad, pronto a cercare nei giorni seguenti l'annuncio di ricomporre una possibile crisi diplomatica, riaffermando il diritto del governo di Baghdad di autorizzare o meno la presenta di truppe straniere, ma non chi sta a Palazzo Chigi, o alla Farnesina, o a Via XX Settembre. Fatto sta che oggi pare essere tornati indietro nel tempo, a quel tempo nel quale l'Italia combatteva in Irak, una guerra sbagliata, illegale ed illegittima. E non solo in Irak ma anche in Afghanistan dove restano 900 soldati italiani – con compiti di mentoring ed addestramento – nella regione di Herat, un Afghanistan ora teatro di una forte offensiva taleban, nella regione dell'Helmand. Ramadi, Mosul, Falluja, Helmand, “back to square one”.

lunedì 7 dicembre 2015

Parigi, e la COP21: giusto un accordo o un accordo giusto?

we do not want just an accord, we want a just accord” IBON, 7 dicembre 2015 E’da poco iniziata la seconda settimana di negoziato della COP21 nella quale saranno i Ministri che  entro l´11 dicembre dovrebbero approvare l’ accordo che definirà le politiche climatiche nell'era post-Kyoto. Tre sono gli elementi chiave per  valutare la portata di questo accordo che si sta profilando, attraverso una prospettiva di riduzione della dipendenza dai combustibili fossili, di “restituzione ” del un debito ecologico e di regolamentazione delle emissioni a carattere vincolante e non volontario. Il  primo, l'impegno per contenere l'aumento della temperatura globale entro 1,5 gradi centigradi.   A tal riguardo vale la pena di ricordare come  alla COP20 di Lima, si chiese ai governi di presentare prima di Parigi   contributi volontari al perseguimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni, mitigazione ed adattamento.(nell´acronimo inglese  INDC) . Il totale delle INDC presentate prevede una   riduzione della temperatura di 2,7 gradi centigradi contro 1,5. Il testo-bozza  di Parigi lascia poco a sperare, visto  che il punto cruciale  sulla riduzione dell'aumento della temperatura resta ancora indefinito. E resta insoluto il tema della revisione degli INDC per renderli più “ambiziosi”. come anche la misura in cui questo tetto dovrà essere tradotto in termini di riduzione delle emissioni  . Il secondo riguarda, il regime giuridico dell'accordo ,  non vincolante e  privo di meccanismi che sanciscano quei paesi che non lo rispetteranno. Una discussione contorta dove c'è chi propone di spacchettare l'accordo in due strumenti uno volontario l'altri vincolante per chi ci sta, al fine di bypassare il certo voto negativo del Congresso USA. Il terzo e’ la “restituzione” attraverso il finanziamento per le politiche climatiche: 100 miliardi di dollari l'anno entro il 2020, da far gestire ad istituzioni di   quali il Fondo Verde per il Clima . I  finanziamenti per le politiche climatiche ammonterebbero a circa 57 miliardi di dollari nel periodo 2013-2014. (per dare un’idea solo per la prospezione di nuovi giacimenti di combustibili fossili solo nel 2013 le imprese del settore hanno speso 670 miliardi di dollari) Oltre due terzi di tale cifra sono destinati a progetti per la riduzione delle emissioni di carbonio nei paesi in via di sviluppo, (progetti di mitigazione, rappresentati da sviluppo di energie rinnovabili, innovazione tecnologica, protezione delle foreste, e “false soluzioni” collegate a programmi di compensazione delle emissioni), un onere sulle spalle dei paesi in via di sviluppo che riceverebbero invece assai di meno per cercare di gestire le ricadute di eventi climatici estremi, quali inondazioni e siccità. La questione a Parigi è quella di riequilibrare le proporzioni verso un 50:50. Letta con la lente della giustizia climatica e del riconoscimento del debito ecologico, questa cifra dimostra una persistente ingiustizia, che l'accordo di Parigi difficilmente riuscirà a sanare. E non solo perché a Parigi si profila la possibilità di un accordo che impegnerebbe egualmente paesi “ricchi” e paesi “in via di sviluppo” nel finanziamento delle politiche climatiche, ma anche perché   i meccanismi di erogazione dei fondi climatici privilegiano la partecipazione di imprese e istituti di credito (dei paesi “ricchi) che spesso con l'altra mano sostengono o finanziano progetti dall'alto impatto socio-ambientale. Che il business del clima sia ormai un’ ambito consolidato di azione delle imprese lo dimostra il fatto che il Fondo per il Clima , il meccanismo di finanziamento per le politiche climatiche, è  sbilanciato verso  le  imprese, a scapito della possibilità dei paesi e delle comunità locali di poter accedere direttamente ai fondi o partecipare all'implementazione dei progetti che nei fatti vengono solo “validati” dalle autorità dei paesi destinatari. Il settore privato qua a Parigi è il vero convitato di pietra, i cui interessi definiscono le priorità politiche e gli obiettivi in un percorso sottotraccia rispetto al negoziato ufficiale. Il terzo percorso, quello dei movimenti e della società civile, si è snodato in varie attività e pratiche. Da quella della catena umana del 28 novembre , tenutasi comunque per riaffermare il  diritto alla piazza dopo le decisioni delle autorità di proibire la marcia prevista per supposte motivi di sicurezza. Tra le parole d´ordine quella di   resistere ad ogni nuova attività di  estrazione di combustibili fossili ovunque . Si calcola infatti  che almeno il 50% delle reserve di combustibili fossili dovrebbero restare sottoterra per evitare un aumento disastroso della temperature. Non a caso lo slogan ricorrente alla marcia e non solo era: “keep oil under the soil, keep coal in the hole”,  idealmente connesso  alle vertenze dei comitati no triv nel nostro paese e che potrebbe in effetti caratterizzare anche il prossimo referendum sullo Sbloccaitalia. A Montreuil dal 5 al 6 dicembre si e’ tenuto  il Vertice dei Popoli. Il Tribunale internazionale per i diritti della terra, ha poi visto le testimonianze di comunità locali, leader indigeni, ed attivisti di ogni parte del mondo, sugli effetti devastanti di progetti di estrazione petrolifera, fracking, miniere a cielo aperto, un debito ecologico che travalica i confini tradizionali tra Nord e Sud, ed accomuna comunità in resistenza in ogni parte del pianeta. Il Tribunale ha emesso una dura sentenza di condanna ai governi ed imprese, ed ascoltato proposte quali quella di inserire nel Trattato di Roma sulla Corte Penale Internazionale il crimine di ecocidio. Il tema dei diritti della natura all'interno del negoziato è stato posto dalla delegazione boliviana in una trattativa serrata sulle condizioni di attuazione dell'accordo di Parigi. Il tema forse più “politico” dell'accordo, visto che prevede il vincolo di rispettare condizioni quali equità, responsabilità comuni e differenziate, dimensioni di genere, rispetto dei diritti umani. Per giorni i negoziatori hanno cercato di evitare che l'accordo di Parigi potesse assumere i contorni di un impegno “politico” verso un approccio che mettesse al centro i diritti della Madre Terra, ed i diritti umani e dei popoli indigeni, rappresentati da una folta delegazione da ogni parte del mondo. Mancano ancora pochi giorni alla conclusione della COP, giornate che dovrebbero culminare il 12 in una serie di attività di mobilitazione. Non è un caso che per le azioni di piazza finali  si sia scelto il giorno dopo la conclusione, come a significare che vista l'inadeguatezza dei governi, spetterà ai popoli, alle comunità ed ai movimenti costruire reti, condividere pratiche di resistenza all'espansione della frontiera estrattiva e modelli di consumo e produzione alternativi fondati sulla giustizia ecologica e sociale.

per Granello di Sabbia, rivista sociale di Attac Italia (